Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
29 luglio 2014 2 29 /07 /luglio /2014 09:59

 

a cura di Ninnj Di Stefano Busà

 

Franco Loi è nato a Genova nel 1930 da padre sardo e da madre emiliana. Seguendo il padre ferroviere si è trasferito a Milano, dove vive. Dopo essere stato attivo militante comunista, ha aderito al movimento della nuova sinistra, ma dagli anni settanta ha lasciato sostanzialmente l'attività politica, assumendo posizioni molto personali, con forte accentuazione di una religiosità anarchico-libertaria. La sua prima produzione poetica è nata tutta in una breve stagione, tra il 1965 e il 1974 quasi sotto dettatura: "scrivevo versi per quattordici ore filate al giorno, mi sono sempre considerato amanuense di Qualcuno". Esordisce solo nel 1973 come poeta dialettale con l'opera I cart (Edizione Trentadue) e l'anno dopo con Poesie d'amore (Il Ponte). Seguono:

Stròlegh (introduzione F. Fortini, Einaudi, 1975), Teater (Einaudi, 1978), L'angel (I parte, introduzione F. Brevini, San Marco dei Giustiniani, 1981), Lünn (incisioni di F. Farulli, Il Ponte, 1982), Bach (Scheiwiller, 1986), Liber (risvolto C. Segre, Garzanti, 1988), Memoria (introduzione G. Tesio, Boetti & C., 1991), Poesie (introduzione F. De Faveri, Fondazione Piazzola, 1992), Umber (prefazione R. Luperini, Piero Manni, 1992), Poesie, Antologia personale(introduzione F. De Faveri, Fondazione Marino Piazzolla, 1992) L'angel (in 4 parti, risvolto C. Segre, Mondadori, 1994),Arbur (incisioni G. Di Fidio, Moretti & Vitali, 1994), Verna (risvolto D. Attanasio, Empiria, 1997), Album di famiglia(introduzione B. Malacrida, Lietocollelibri, 1998), Amur del temp (Crocetti, 1999), Isman (Einaudi, 2001), Aquabella(Lyra, 2004), Voci d’osteria (Mondadori, 2007), Angel de aria (Aragno, 2011), I niül (Lyra, 2012). Oltre alle raccolte di poesia ha anche pubblicato un libro di racconti L'ampiezza del cielo (2001) e alcuni saggi: La lingua della poesiaEdizioni Provincia di Bergamo, 1995) Poesia e religione (Edizioni San Paolo, 1996), compresa l’autobiografia Da bambino il cielo (Garzanti, 2008).

Ha vinto i premi Bonfiglio, Nonino per Liber, Librex Montale e Brancati.

 

Forsi û tremâ cume de giass fa i stèll

da "Lünn" (1982)

Forsi û tremâ cume de giass fa i stèll, 
no per el frègg, no per la pagüra, 
no del dulur, legriâss o la speransa, 
ma de quel nient che passa per i ciel 
e fiada sü la tèra che rengrassia… 
Forsi l’è stâ cume che trèma el cör, 
a tí, quan’ne la nott va via la lüna, 
o vegn matina e par che ‘l ciar se mör 
e l’è la vita che la returna vita… 
Forsi l’è stâ cume se trèma insèm, 
inscí, sensa savèl, cume Diu vör…


Forse ho tremato come di ghiaccio fanno le stelle

da "Lünn" (1982)

Forse ho tremato come di ghiaccio fanno le stelle,
no per il freddo, no per la paura,
no del dolore, del rallegrarsi o per la speranza,
ma di quel niente che passa per i cieli
e fiata sulla terra che ringrazia...
Forse è stato come trema il cuore,
a te, quando nella notte va via la luna,
o viene mattina e pare che il chiarore si muoia
ed è la vita che ritorna vita...
Forse è stato come si trema insieme,
così, senza saperlo, come Dio vuole...


 

Me piasaríss de mí desmentegâss

da "Lünn" (1982)

Me piasaríss de mí desmentegâss, 
e camenà, e respirà per tí, 
vèss cume i fjö che quand je branca el sû 
se làssen sumenà due el vör lü, 
e mai truâss, e pü capí de mí, 
ma vèss giuius de l’aria che me tira 
due che la vita la se pensa vîv.


Mi piacerebbe di me dimenticarmi

da "Lünn" (1982)

Mi piacerebbe di me dimenticarmi,
e camminare, e respirare per te,
essere come i ragazzi che quando li prende il sole
si lasciano seminare dove lui vuole,
e mai ritrovarsi, e non più capire di me stesso,
ma essere gioioso dell'aria che mi attira
là dove la vita si pensa vivere.


 

Sèm poca roba, Diu, sèm squasi nient

da "Liber" (1988)

Sèm poca roba, Diu, sèm squasi nient, 
forsi memoria sèm, un buff de l’aria, 
umbría di òmm che passa, i noster gent, 
forsi ‘l record d’una quaj vita spersa, 
un tron che de luntan el ghe reciàma, 
la furma che sarà d’un’altra gent… 
Ma cume fèm pietâ, quanta cicoria, 
e quanta vita se porta el vent! 
Andèm sensa savè, cantand i gloria, 
e a nüm de quèl che serum resta nient.


Siamo poca roba, Dio, siamo quasi niente

da "Liber" (1988)

Siamo poca roba, Dio, siamo quasi niente,
forse memoria siamo, un soffio d'aria,
ombra degli uomini che passano, i nostri parenti,
forse il ricordo d'una qualche vita perduta,
un tuono che da lontano ci richiama,
la forma che sarà di altra progenie...
Ma come facciamo pietà, quanto dolore,
e quanta vita se la porta il vento!
Andiamo senza sapere, cantando gli inni,
e a noi di ciò che eravamo non è rimasto niente.


 

  


Condividi post
Repost0

commenti