Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
30 ottobre 2014 4 30 /10 /ottobre /2014 08:53

 

a cura di Ninnj Di Stefano Busà

 

Nevio Nigro (Tripoli 1930), medico, già professore ordinario, poeta, vive a Torino, ma ha compiuto i suoi studi in parte in Africa Orientale (Adis Abeba) e in parte in Italia: Cecina, Roma, Bologna (dove si è laureato) e Torino. Ha pubblicato diverse opere poetiche: Se (1976), Non tutte d'amore (1992, introduzione di G. Bárberi Squarotti), Il colore del vento (1994), Lune d'amore(1995), Occhi segreti (1996), Senza sentir parole (1997, prefazione di Dante Maffia), Ore brevi (1997), Emozioni clandestine (1999), Le donne oscure (2000) e Il sale dei baci(2002), Tra funerali e sottane (il sacro e il profano) (2003, prefazione di A. Spagnuolo), Quel passo di danza (2004, prefazione di M.L. Spaziani e saggio di A. Maia), Sogni sospesi(2007, postfazione di Plinio Perilli), Incontri (2008). Sue poesie sono state tradotte in russo, rumeno e spagnolo; in quest’ultima lingua sono state pubblicate sue poesie sulla “Rivista Universitaria “ di Saragozza (Campus de Huesca) nel 1998 e ’99 nella rubrica “Poesia italiana contemporanea”. Collabora a riviste ed antologie poetiche sia come autore che come critico. Ha vinto diversi primi premi letterari: 1977, Torino “Speranza”; 1989, "Firenze”; 2001, “Rabelais”; 2003, “Città di Lerici”;, “Augusta Taurinorun” per l’edito; “Rabelais”; Torino “Augusta Taurinorum”; 2004, “Mario Soldati”; 2005, “Pinayrano”; 2007, "Pannunzio-una vita per la poesia". Ha meritato numerose citazioni alle sue opere in diverse riviste letterarie: "Poesia", "La Nuova Tribuna Letteraria", "Il Ragguaglio Librario", "Alla Bottega", "Flumen" (Spagna), "Gradiva" (Usa), "YaleIitalian Poetry" (Usa), "Novilunio" (Svizzera).

 

 




Risveglio

(Parole)

La notte chiude gli occhi
senza vedere angeli
senza sentir parole.

Al suo vento d'autunno
cadono alberi
e suonano campane.

Il potere del sogno
soccorre
e invoca
una dolce mattina.

Ed il giorno
comincia
comincia.

Profumo di parole.

 

 

      L'ORA

 

 Suono di luce

all'ora morta,

ombelico di luna,

cancella la scintilla

che ci unì

a questa vita breve.

 

Sete e silenzio

e paura d'amare,

desiderata sempre

all'ora morta

che più non sveli

 

il gemito nel buio.

Condividi post

Repost0

commenti